Da mercoledì 15 a sabato 18 giugno in diretta su anothertv.tv e sulle micro web tv italiane

ESSERCI PER LA VERITÀ LA RETE ABBRACCIA IL PREMIO ILARIA ALPI

Da mercoledì 15 a sabato 18 giugno Riccione ospita la 17esima edizione del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, la manifestazione promossa dall'associazione Ilaria Alpi in memoria della reporter e inviata del TG3 uccisa nel 1994 a Mogadiscio insieme all'operatore Miran Hrovatin.

Al centro di questa edizione i fatti che hanno sconvolto il mondo arabo. Il Premio sarà soprattutto approfondimento e riflessione, con la proiezione delle 27 video-inchieste finaliste, selezionate tra le 275 in concorso.

Quest'anno le 530 micro web tv italiane abbracceranno il Premio Ilaria Alpi con dirette online “a rete unificata” in simultanea su tutti i portali: saranno trasmessi gli incontri quotidiani di AnnoZoro con Diego Bianchi, Antonio Sofi e Sandro Ruotolo (da mercoledì a venerdì alle ore 23) e gli aperitivi di Andrea Vianello (venerdì e sabato alle ore 19).

Il network realizzerà anche il talk online “Fuori Premio” (da mercoledì a sabato alle ore 20), videodiario della giornata condotto da Giampaolo Colletti con contributi realizzati dai giovani volontari di quattro scuole di giornalismo e interviste agli ospiti del Premio.

Due gli appuntamenti speciali trasmessi: lo spettacolo di Daniele Biacchessi “Aquae Mundi. L’acqua è un bene comune” (mercoledì 15 giugno alle ore 21) e il convegno “Silenzio c'è la mafia nel nord” (giovedì 16 giugno alle ore 18). Al dibattito prendono parte Gianluigi Nuzzi (Libero), Mario Portanova (L’Espresso), Piergiorgio Morosini (Tribunale di Palermo) e Marco Nebiolo (Narcomafie). Modera Antonella Mascali (Il Fatto Quotidiano).

Sul web “a rete unificata” andrà anche la serata di premiazione condotta da Tiziana Ferrario (sabato 18 giugno alle ore 21).

«Il premio ha sempre cercato di far emergere il giornalismo di inchiesta, di ricerca e di denuncia che c'è in Italia nel nome di Ilaria Alpi. E poi ha documentato diciassette anni di impegno e di sostegno per la verità e la giustizia», ha dichiarato

Francesco Cavalli,direttore del Premio Ilaria Alpi. «Sono passati diciassette anni, lunghissimi e troppi per avere giustizia. Però abbiamo raccolto una serie di informazioni che ci fanno dichiarare che Ilaria è stata uccisa con un agguato premeditato e il movente è legato alle inchieste che stava portando avanti. Ci aspettiamo che la magistratura faccia il suo dovere e arrivi alla verità giudiziaria», ha affermato Mariangela Gritta Grainer, portavoce dell’Associazione Ilaria Alpi.

«Il Premio Ilaria Alpi è diventato un premio internazionale molto importante: è servito per cercare verità e giustizia, che ancora non ci hanno dato. Ilaria era molto orgogliosa di essere entrata in Rai e di fare il suo lavoro», precisa Luciana Alpi, mamma di Ilaria.

Per seguire le dirette premete qui