Arte / GAM: Terzo paesaggio - Fotografia italiana oggi



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

156 visualizzazioni

Data registrazione: 22/05/2009
Luogo: Gallarate

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

TERZO PAESAGGIO
FOTOGRAFIA ITALIANA OGGI

La XXIII edizione del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate si confronta con la fotografia.

TERZO PAESAGGIO FOTOGRAFIA ITALIANA OGGI è il titolo della mostra in cui undici fotografi italiani espongono le loro opere. 

Luca Andreoni, Andrea Galvani, Tancredi Mangano, Maurizio Montagna, Armida Gandini, Moira Ricci, Francesca Rivetti, Alessandro Sambini, Marco Signorini, Alessandra Spranzi e Richard Sympson, sono i fotografi selezionati per la singolarità e l’efficacia delle loro ricerche espressive, valide al di là della tecnica utilizzata. Lo sguardo che ognuno di essi posa sulla realtà e che ognuno ci rimanda attraverso il proprio lavoro, linguisticamente caratterizzato da una precisa identità, è spesso rivolto verso situazioni marginali, nascoste, apparentemente poco visibili. È rivolto verso i territori della diversità, dei residui visivi ed emotivi il più delle volte relegati a situazioni di passaggio, poco interessanti e laterali. Ecco perché il titolo della mostra attinge senza filtri al Manifeste du Tiers paysage, di Gilles Clément (2004), adottando la felice definizione nata per definire una particolare concezione dell’architettura del paesaggio. 

La narrazione di piccole-grandi storie, in alcuni casi molto personali,diventa per esempio la chiave di lettura dei lavori esposti da Moira Ricci, Armida Gandini o Alessandro Sambini o Francesca Rivetti che con modalità espressive ed esiti formali assai differenti si muovono su un piano di affetti o situazioni quotidiane semplici, alla portata di tutti ma comunque capaci di aprire a considerazioni ampie e universalmente sentite. Diversamente si muovono Maurizio Montagna, Tancredi Mangano o Richard Sympson, attratti dal paesaggio urbano contemporaneo e dal rapporto uomo-architettura o uomo-natura, in cui i segni lasciati dalla presenza umana diventano veicolo di forte emozione e di presenza nell’assenza. I paesaggi naturali sono i principali interlocutori di Marco Signorini e Luca Andreoni, interpretati dal primo attraverso uno sguardo storicamente romantico e  dal secondo con un atteggiamento che lo induce a cercare, della natura, le pieghe nascoste e poco visibili. Paesaggi immaginifici e nel contempo concreti e agibili quelli presentati da Andrea Galvani, tesissimi nella luce e nelle soluzioni formali adottate. Accostamenti temporalmente diversi appaiono i lavori presentati da Alessandra Spranzi, attenta a ricomporre spazi e tempi malinconicamente analoghi.


GAM - Galleria d'Arte Moderna di Gallarate
Fondata nel 1966 con le opere acquisite durante le prime otto edizioni del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate la GAM, per la ricchezza della sua collezione permanente, è una delle più importanti realtà espositive sul territorio nazionale; all'oggi conta più di 5.000 opere provenienti dalle donazioni del Premio Gallarate, dagli artisti, dai collezionisti e dagli acquisti del museo stesso, ed è composta da dipinti, sculture, disegni, ceramiche, opere di animazione e ambientali, libri d'artista, opere multimediali, oggetti e progetti di design, incisioni e serigrafie. Ideata, fondata e diretta fino al 1998 da Silvio Zanella, la gam sin dalla sua nascita ha avuto un importante ruolo di consulenza e coordinamento su tutto il territorio provinciale.

www.gam.gallarate.va.it