Libri / Incontro con gli autori: Laura Pariani



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

13 visualizzazioni

Data registrazione: 13/10/2007
Luogo:

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

Laura Pariani, Dio non ama i bambini
Buenos Aires all'inizio del Novecento, c'è un assassino che si aggira per la città, e che per anni, impunito, fa strage di innocenti. Le vittime sono soprattutto i figli degli italiani che vivono nei conventillos in condizioni di assoluta povertà. Ragazzini abbandonati a se stessi, ninos de calle i cui sogni sono destinati a spegnersi nella rabbia giorno dopo giorno. Chi può volerli morti? La verità sta sotto gli occhi di tutti, ma nessuno la sa vedere. Possono intuirla solo gli stessi bambini, perché quella verità, forse, si muove all'altezza dei loro occhi.
Questo libro, è anche un formidabile affresco di storie di immigrazione italiana in argentina, dove molti italiani, soprattutto del nord, sono arrivati qui giovanissimi, con molte speranze, senza un soldo e senza conoscere nient'altro che il loro piccolo mondo dei borghi contadini, per cercare un domani che in italia non c'era.

Editore: EINAUDI
Anno di pubblicazione: 2007
Numero di pagine: 305

Laura Pariani è nata a Busto Arsizio nel 1951 e vive a Turbigo (MI), dove ha insegnato in una scuola superiore. Il suo esordio narrativo avviene nel 1993 con la raccolta di racconti Di corno o d'oro, con cui si aggiudica il Premio Grinzane Cavour. I suoi libri successivi ottengono un unanime consenso di critica ed importanti riconoscimenti, tra cui il Premio Selezione Campiello per La perfezione degli elastici (e del cinema) . Ha "collaborato" alla sceneggiatura del film vincitore del Leone d'oro a Venezia 1998, Così ridevano di Gianni Amelio. La predilezione di Laura Pariani va ai piccoli mondi perduti in spazi sconfinati, nella nebbia che avvolge le corti della piana di Busto o nel vento che batte gli altipiani dell'America Latina, e alle voci dei "puaritti" che affiorano da questi mondi. E a queste voci la Pariani offre nella scrittura una lingua-dialetto, che recupera i suoni del lombardo dei contadini, attraverso proverbi, cantilene, filastrocche.