Arte / Ernesto Jannini: Progetti di guerra



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

126 visualizzazioni

Data registrazione: 23/01/2008
Luogo: Torino

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

Ernesto Jannini/Galleria Fusion Art

Ernesto Jannini, vivace artista "neoconcettuale", che dalla fine degli anni '70, porta avanti una ricerca radicata sull'azione a sfondo altamente politico-sociale è l'animatore di questa performance eseguita durante la sua mostra personale alla Galleria Fusion Art di Torino nel mese di Gennaio 2008.

Ernesto Jannini, alla seconda esperienza espositiva presso la Fusion Art Gallery, uno dei più significativi esponenti della generazione emersa, in Italia, subito dopo l'ondata della Transavanguardia nella seconda metà degli anni '80 e vanta un curriculum importante, dove spiccano le partecipazioni alle Biennali di Venezia del 1976 e 1990. Ho definito il lavoro di Jannini "archeologia del presente"; l'artista centra il suo progetto su di una estetica della tecnologia, ce la mostra nella sua disarmante nudità d'oggetto, ce ne svela i meccanismi e la integra con elementi tratti dal mondo della cultura e della natura, indicandoci la strada di una possibile ecologia della mente, in una fase in cui arte e scienza, abbandonando antiche ritrosie, sono consapevoli della possibilità di inaugurare un dialogo costruttivo per entrambe.

Questa personale, costruita da Jannini secondo il concetto e la "pratica dell'azione", prassi a lui consueta sin dagli anni '70. L'allestimento è dedicato ad una riflessione allarmata sulla guerra, imperniata su di una dialettica tra esterno ed interno, drammaticamente giocosa, in cui si intravede una precisa tensione politica. In galleria è collocata una tavola imbandita dove l'artista disporrà un missile da lui costruito, lungo circa 2,5 m. appoggiato a circa 80 cm. dal piano. Lo stesso oggetto è stato usato da Jannini per compiere una passeggiata, per le strade di Torino. Sempre in galleria saranno visibili una serie di opere dedicate alla metafora del cibo, da sempre collegata alle tensioni belliche, dove pacchetti di riso, grano, ed altri alimenti sono assemblati sullo sfondo di microcircuiti.
Edoardo Di Mauro, Critico e Gallerista

www.ernestojannini.it
www.fusiongallery.it