Cultura / FilosofARTI 2011: Salvatore Natoli



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

117 visualizzazioni

Data registrazione: 05/03/2011
Luogo: Gallarate (VA) - Teatro delle Arti

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

IL BUON USO DEL MONDO

Per l'uomo di oggi che non spera più nella salvezza alla fine dei tempi ma ha davanti a sé un tempo senza fine, navigare in mare aperto sembra ormai diventato l'unico modo di vivere. Ma quale rotta seguire, dopo il tramonto di ogni certezza e il declino della tradizione giudaico-cristiana in Occidente, due segni distintivi della nostra epoca? Al termine di un lungo e originale itinerario di riflessione sulla modernità, Salvatore Natoli analizza le varie forme del fare (il lavoro, il consumo, il progresso, il rischio) e il loro rapporto con quello che dovrebbe essere il vero obiettivo di ogni essere umano: un buon uso del mondo. Partendo dalla distinzione aristotelica tra "agire" (dare un senso alle proprie azioni) e "fare" (eseguire un compito), l'autore si chiede quanto, nella nostra frenetica attività quotidiana, siamo "agenti", soggetti capaci di realizzarsi in ciò che fanno, e quanto invece siano "agiti", elementi impersonali di una serie causale e anonima di cui non si vede né l'inizio né la fine.