Ambiente / Piccoli gesti per il pianeta / 8 - risparmio idrico



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

21 visualizzazioni

Data registrazione: 31/03/2007
Luogo: Terra

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

8 - risparmio idrico

L'irrigazione deve avvenire al mattino presto (ottimo tra le 6 e le 8 del mattino), o verso sera (in questo caso non si bagnino eccessivamente le foglie delle piante, per evitare l'insorgenza di malattie fungine), mai nel pomeriggio e nelle ore centrali ed in presenza di vento (ben il 30-40% dell'acqua la si perde per evaporazione). In base al tipo di suolo, poi, cambiano le modalità di irrigazione (tempo e quantità di acqua):
- se ricco di sostanza organica e fertile, innaffiare moderatamente ma con regolarità;
- se sabbioso e ben drenato, innaffiare moderatamente ma con maggiore frequenza;
- se argilloso e compatto, innaffiare moderatamente ma con meno frequenza.

Inoltre, innaffiare sempre lentamente, in modo che l'acqua non scorra via (run-off) e penetri in profondità (almeno per 30 centimetri), favorendo la crescita di radici forti e profonde, più resistenti alla siccità. Infine, non aspettare che il suolo sia completamente secco e indurito per innaffiare, poiché assorbe l'acqua peggio e più lentamente.

Per ridurre la necessità di innaffiare alla fonte è opportuno progettare i giardini con piante autoctone che sono capaci di adattarsi al clima in cui è locato il giardino senza usare specie per climi più freddi o più caldi, o più umidi; in questo caso si può risparmiare fino al 50% di acqua.

Concima con prodotti organici
Utilizzare preferibilmente prodotti organici e a lenta cessione permette la formazione ed il mantenimento di una ricca microflora batterica nel suolo, che favorisce il metabolismo delle piante e le mantiene in salute. Le piante sane hanno meno sete di quelle malate.

Raccogli la pioggia
La raccolta della pioggia può costituire un notevole apporto supplementare di acqua. Collegando le grondaie e i pluviali ad appositi sistemi di accumulo (in genere cisterne), è possibile disporre di notevoli quantitativi acqua, che presenta generalmente una buona qualità e risulta adatta per l'irrigazione delle piante. Esistono oggi sul mercato numerose soluzioni tecnologie per la raccolta e l'uso in giardino di acqua piovana.