Arte / FilosofArti 2008: Eternità presente



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

122 visualizzazioni

Data registrazione: 25/02/2008
Luogo: Gallarate

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

FilosofARTI: Eternità presente

In occasione della presentazione di WOK city MAP, foglio curato dalla Sezione Didattica della Civica Galleria e dedicato al tema viaggio nell'arte contemporanea, la Civica Galleria d'Arte Moderna di Gallarate ha organizzato una giornata di studi sulla questione del Tempo e alla sua particolare incidenza nel valore dell'opera d'arte contemporanea come fattore determinante, come misura, ambiente, materia: l'avvento dell'era digitale e il concetto di realtà virtuale hanno reso ambigui i concetti di spostamento, di presenza, di identità; distanze immense sono ormai raggiungibili attraverso un "click" e con la stessa facilità è possibile essere contemporaneamente in più luoghi, situazioni, vite.

Ecco che tutta l'arte di oggi che in qualche modo si riferisce o include dei fattori di tempo, dalla pratica performativa (happenings e azioni) all'opera deperibile (ciò che perde progressivamente forma), dal concettuale al virtuale, ci racconta di questi avvenuti cambiamenti e del loro impatto sulla nostra società.

Il Festival di Filosofarti risulta essere il contesto più adatto per ospitare un tema di tale complessità che è altresì uno degli aspetti più importanti e nodali della nostra contemporaneità.

Come si è dunque modificato l'impatto delle immagini nella nostra quotidianità? Che valore hanno assunto oggi concetti come l'istante o l'eterno? Quale materia è oggi di maggior valore e di più alta criticità tra lo spazio ed il tempo? Questi gli argomenti guida del convegno, a cui sono stati invitati intellettuali di ambito internazionale che riporteranno le più importanti teorie e i punti di vista più estremi nel rapporto tra le arti contemporanee e la scienza. In questo ambito infatti sembrano risiedere molte delle risposte che caratterizzano i grandi interrogativi della nostra contemporaneità.

Sono intervenuti: Antonio Caronia, studioso dei Nuovi Media, docente a Milano presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, la Naba, il Planetary Collegium di Plymouth; Sigrified Zielinski, teorico dei Nuovi Media, docente all'Università delle Arti di Berlino; Amanda MCDonald Crowely, executive director del centro di arte e tecnologia Eyebeam di New York ; Tommaso Trini, scrittore e critico d'arte, docente a Milano presso l'Accademia di Belle Arti di Brera; Francesca Marianna Consonni, studiosa, responsabile del Dipartimento Didattico della Gam; Tommaso Tozzi, artista e teorico delle Reti, docente all'Università degli Studi di Firenze e all'Accademia di Belle Arti di Carrara; Alessandro Ludovico, studioso dei Nuovi Media, direttore della rivista Neural.

GAM - Galleria d'Arte Moderna di Gallarate
Fondata nel 1966 con le opere acquisite durante le prime otto edizioni del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate la GAM, per la ricchezza della sua collezione permanente, è una delle più importanti realtà espositive sul territorio nazionale; all'oggi conta più di 5000 opere provenienti dalle donazioni del Premio Gallarate, dagli artisti, dai collezionisti e dagli acquisti del museo stesso, ed è composta da dipinti, sculture, disegni, ceramiche, opere di animazione e ambientali, libri d'artista, opere multimediali, oggetti e progetti di design, incisioni e serigrafie. Ideata, fondata e diretta fino al 1998 da Silvio Zanella, la gam sin dalla sua nascita ha avuto un importante ruolo di consulenza e coordinamento su tutto il territorio provinciale. Dall'autunno 2008 il museo avrà una nuova sede espositiva in via De Magri collegata con i giardini pubblici di viale Milano che già ospitano le opere di Loris Cecchini e Liliana Moro.

www.gam.gallarate.va.it