Libri / Incontro con gli autori: Luca Doninelli



Codice da incorporare



Una volta effettuata la selezione, copia e incolla il codice riportato sopra.

46 visualizzazioni

Data registrazione: 01/07/2011
Luogo: Casa Testori - Novate Milanese (MI)

Iscritivi alla nostra newsletter
Caricamento

CATTEDRALI

Parlare dei luoghi in cui viviamo, parlare delle nostre città non è più possibile se non teniamo conto che dentro di esse ci sono pezzetti di infinite altre altre città e di infinite altre culture.

Le cattedrali sono i luoghi dove una città ci rivela qualcosa in più di sé, e dove cominciamo a capire che cosa in essa ci attira o ci fa paura. L'incontro con la diversità, la necessità di raccontare, l'altro passa attraverso la nostra quotidianità e non più in viaggi in mondi diversi che ormai non esistono più
(Luca Doninelli)

Il Muro del Pianto a Gerusalemme e Harrods a Londra, la Città Proibita a Pechino e il Grand Central Terminal di New York, Les Halles a Parigi e la Sagrada Família a Barcellona... Tutti edifici in cui si condensa lo spirito di una città: quando siamo lì, noi e quel luogo ci sentiamo una cosa sola. Perché in quei luoghi avvertiamo – o ci pare di avvertire – qualcosa che va al di là di noi, e che in qualche misura ci trascende.

Non importa se tra quelle pareti si onora un dio. L'importante è che questi luoghi ci impongono un diverso punto d'equilibrio nel rapporto tra noi e lo spazio circostante: perché lì vibra la vita, con le strade e le case intorno.
Perché lì sono arrivati, per secoli o millenni, i pellegrini, e ora arrivano i turisti, la loro incarnazione moderna.

Perché lì s'incontrano e si scontrano la terra su cui camminiamo e l'azzurro del cielo: un cielo che a volte incombe su di noi e ci schiaccia, mentre altrove sembra attrarre a sé quegli edifici, e noi con loro.

Quella che conduce Luca Doninelli è una straordinaria riflessione sul paesaggio: il paesaggio urbano, innanzitutto, ancora più cruciale ora che oltre la metà della popolazione mondiale vive nelle città. Ma ci insegna a fotografare anche il paesaggio umano, e l'orizzonte culturale in cui viviamo oggi, disorientati e curiosi. Cattedrali è dunque anche un'educazione allo sguardo, che allarga la prospettiva: per farci cogliere meglio, raccontando questi luoghi e le loro storie, il rapporto che lega la storia dell'umanità al senso più profondo dell'esistenza per ciascuno di noi.